sp_mid

Il TRA parte dal Rally Valle d'Aosta Saint Vincent

Scatterà venerdì pomeriggio da Saint Vincent il Trofeo Rally Asfalto 2009. S'è fatto attendere, ma ne è valso la pena. La serie rallistica cadetta ACI CSAI sta riscuotendo ottimo successo d'adesioni, ancora una volta garantirà spettacolo e sfide sportive d'alto livello, prevedendo un ancor più ricco montepremi finale di 60.000 euro, aumentato rispetto al passato a 20.000 Euro al vincitore assoluto; 10.000 Euro per il secondo classificato; 10.000 Euro per il primo del Gruppo "N", altrettanti per il vincitore della Super 2000 e per quello della Super 1600. Il Trofeo Rally Asfalto, dunque, inizia ufficialmente questo fine settimana al Rally Valle D'Aosta - Saint Vincent con un elevato numero di iscritti. Sono 108 le adesioni alla manifestazione organizzata da ACVA Sport, con il patrocinio della Regione Valle d'Aosta, tra i quali emergeranno i primi attori della serie tricolore. Alla prima gara sono attesi tutti quelli che saranno i protagonisti del trofeo cadetto: Felice Re, il comasco campione in carica navigato come sempre da Mara Bariani sulla Citroen Xsara Wrc Tam Auto; l'altro lariano Marco Silva ben deciso a riprendersi lo scettro pilotando la Ford Focus Wrc A Style Team, con  Giovanni Pina alle note; il veneto Paolo Porro che, dopo il terzo posto nella serie dello scorso anno, ha oggi tutte le carte in regola per imporsi con la Ford Focus Wrc della Brsport, sulla quale sarà navigato da Paolo Cargnelutti. A scompaginare i piani dei tre, ci proverà il bresciano Luca Pedersoli, al rientro nelle corse con Peugeot 206 Wrc Vieffecorse, dove al suo fianco avrà Matteo Romano. Su altre Peugeot 206 Wrc, alla corsa aostana si presentano in modo del tutto estemporaneo l'idolo locale Elwis Chentre, il bergamasco Devid Oldrati e il torinese Luca Gulfi. Di grande spessore le sfide per la Super 2000 dove rientrano l'aostano Marco Blanc, i piemontesi Tiziano Borsa e Andrea Giudici con le Peugeot 207, a giocarsi le chance con il reggiano Marco Bernardelli, il ligure Alessio Pisi ed il pavese Michele Tagliani con le Grande Punto Abarth. Potrebbe inserirsi nella sfida il comasco Nicola Botta con la nuova Skoda Fabia. Nutrito il parterre della Super 1600 dove spiccano il piemontese Fulvio Calvetti, il reggiano Savio Longagnani e il cuneese Eugenio Montersino con le Renault Clio.

Diversi i protagonisti del Gruppo N che daranno battaglia a Franco Laganà, il barese navigato da Fabio Guzzardi è serio candidato per lo scudetto con la Mitsubishi Lancer Evo X della Vomero Racing, ma all'Aosta dovrà vedersela con il sempre temibile torinese Gianfranco Vedelago con la "Mitsu" della Meteco Corse, il locale Romildo Rean della Valle d'Aosta R.T. Tutte da seguire saranno le sfide tra le vetture a due ruote motrici, dove la parte del leone la faranno i concorrenti iscritti ai diversi trofei monomarca: Renault Clio R3 Top presenta un parterre di rilievo con il toscano Stefano Bizzarri leader del monomarca, il pistoiese Federico Gasperetti, il bresciano Luca Tosini, il reggiano Ivan Ferrarotti, l'esperto savonese Claudio Vallino e il piemontese Andrea Sala; Vieffecorse dà il via al suo C2 R2 Rally Cup; Suzuki Rallye Cup è alla seconda edizione e vanta otto iscritti alla prima prova aostana, tra loro il locale campione in carica Roberto Sordi, il giovane varesino Andrea Crugnola, gli esordienti Carlo Cinotto - figlio del campione Michele - e il cuneese Damiano Defilippi. Molti i pretendenti al successo tra le due ruote motrici del gruppo N, dove emergono i nomi del piemontese Paolo Amorisco e del friulano Fabrizio Martinis, entrambi su Renault Clio RS. Al via anche la Porsche 997 GT3 del veronese Nicola Patuzzo, prima corsa per una GT con la novità di quest'anno in cui sono stati permessi gli pneumatici da corsa.

Il via del 39° Rally Valle d'Aosta Saint Vincent è previsto venerdì 1 maggio alle ore 16,31 da Piazza Cavalieri di Vittorio Veneto situata nel centro storico della nota località turistica, mentre l'arrivo sabato 2 ore 18,22, sempre a Saint Vincent. Giovedì 30 aprile dalle 20 alle 22.30  e venerdì 1 maggio dalle 8.30 alle 11 le verifiche. Dieci le Prove Speciali distribuite in unica tappa e due giornate, le prime tre saranno disputate venerdì pomeriggio, quindi le sette restanti l'indomani, prima del traguardo. Saranno 476,220 i chilometri dell'intero percorso di gara, 138 chilometri è lo sviluppo totale delle 7 prove speciali.